Patrizia Guarnieri

Intellettuali in fuga dall'Italia fascista.

Migranti, esuli e rifugiati per motivi politici e razziali

©2019 Author(s) Published by Firenze University Press
e-ISBN: 978-88-6453-872-3 | DOI: 10.36253/978-88-6453-872-3

Intellettuali in fuga dall'Italia fascista

Elia Samuele Artom (1887-1965)

Altre intestazioni: Elia Samuel

Torino 15 giugno 1887 - Roma 25 febbraio 1965

Vite in movimento

Familiari emigrati

  • Davide Artom (Torino 13 luglio 1918 - Petah Tikva [Palestina mandataria] 23 novembre 1939), figlio: partì da Roma per la Palestina nel dicembre 1938, dove si stabilì nel kibbutz Rodges come agricoltore. Meno di un anno dopo, morì di meningite a 21 anni all’Ospedale Beilinson di Petah Tikva. Non rientrò in Italia.
  • Emanuele Menachem Artom (Torino 29 agosto 1916 - Gerusalemme 19 luglio 1992), figlio: laureato in Lettere, rabbino di Perugia (1937-1938), emigrò il 14 dicembre 1939 come studente della Hebrew University. Fu per breve tempo agricoltore, poi insegnante di scuola. Si sposò con Elena Lea Rossi nel 1942 a Gerusalemme. Ricoprì vari incarichi governativi dal 1945 al 1973. Poi trascorse lunghi periodi in Italia come rabbino di Venezia (1973-1976) e di Torino (1985 1987), e come docente presso il Collegio rabbinico italiano. Ma non rientrò mai stabilmente, e rimase in Israele fino alla morte nel 1992.
  • Meir Artom (Tripoli, Libia [non Firenze come solitamente riportato] 6 gennaio 1921 - Hibbat Tzion, Palestina mandataria, 21 ottobre 1947), figlio: studente, agricoltore e litografo, emigrò a Gerusalemme nel marzo 1945. Il 6 giugno 1947 sposò Miriam Campagnano (Alessandria 25 giugno 1922), infermiera. Morì a 26 anni. Non rientrò in Italia.
  • Ruben Artom (Firenze 8 marzo 1928 - Motza, Palestina mandataria, 5 aprile 1948), figlio: nel settembre 1939, a 11 anni, emigrò con il padre a Gerusalemme, dove studiò alla scuola agricola Mikveh Israel. Morì a 31 anni nella battaglia di Motza, durante la guerra d’indipendenza di Israele. Non rientrò in Italia.
  • Elena Lea Rossi (Ancona 18 marzo 1920), nuora: non potendosi iscrivere all’università per effetto delle leggi razziali, nel 1939 emigrò con la famiglia nella Palestina mandataria, dove conobbe e e nel 1942 sposò Emanuele Menachem Artom. Ha pubblicato importanti ricerche storico-genealogiche sulle famiglie Artom e De’ Rossi.
  • Umberto Cassuto (Firenze 16 settembre 1883 - Gerusalemme 18 dicembre 1951), cognato (fratello di Giulia Cassuto Artom, deceduta l’11 gennaio 1936): professore universitario a Firenze, poi a Roma, emigrò con la moglie e due figlie a Gerusalemme nel 1939, dove ebbe un incarico part-time come docente di Bibbia alla Hebrew University, stabilizzato dall’ottobre 1940. Nel ’45 fu riammesso in servizio all’Università di Roma, ma in sovrannumero. Non rientrò in Italia.
  • Bice Corcos Cassuto (Livorno 18 settembre 1888 - Kevutzat Yavne, Israele, novembre 1969), cognata: moglie di Umberto, emigrata a 51 anni con il marito e due figlie in Palestina il 5 giugno 1939. Al pari del marito non rientrò.
  • Milka Cassuto, coniugata Salzmann nel ’51 (Firenze 23 settembre 1908 - Gerusalemme 21 luglio 1993), nipote: figlia di Umberto e Bice, insegnante, emigrata con i genitori e una sorella in Palestina il 5 giugno 1939. Non rientrò in Italia.
  • Lea Cassuto poi coniugata Rocca (Firenze 23 dicembre 1911 - Gerusalemme 9 maggio 2006) nipote: figlia di Umberto e Bice, insegnante, emigrata con i genitori e una sorella in Palestina il 5 giugno 1939. Non rientrò in Italia.
  • Hulda Cassuto Campagnano (Firenze 17 gennaio 1914 - Kevutzat Yavne, Israele, 17 settembre 1992) nipote: figlia di Umberto e Bice, emigrata in Palestina insieme ai propri figli e nipoti e ai genitori di Anna Di Gioacchino Cassuto il 22 marzo 1945. Non rientrò in Italia.

Enti di soccorso

  • Irgun ‘Ole Italia

Referenze

Nelle sue numerose richieste di impiego nella Palestina mandataria (dal 1940 al 1942), Artom dichiarava come referenze:

  • Harry Torczyner (1886-1973, poi Naftali Herz Tur-Sinai), docente di Bibbia presso la Hebrew University e futuro primo presidente dell’Academy of the Hebrew Language;
  • Moshe Zvi Segal (1876-1968), docente di Bibbia presso la Hebrew University;
  • Hanoch Albeck (1890-1972), professore di Talmud alla Hebrew University;
  • Hiram Pflaum (1900-1962), docente di Lingue romanze alla Hebrew University;
  • Simcha Assaf (1889-1953), professore di letteratura talmudica alla Hebrew University, poi rettore, nonché membro della corte suprema;
  • Joseph Klausner (1874-1958), storico e linguista, docente presso la Hebrew University, sionista, candidato alle presidenziali del 1949 contro Chaim Weitzmann, prozio dello scrittore Amos Oz;
  • Umberto Cassuto (1883-1951), professore di Bibbia alla Hebrew University;
  • Abraham Kahana (1874-1946), insegnante ed ebraista;
  • Abraham H. Fränkel (1891-1965), matematico e rettore della Hebrew University;
  • Ben-Tzion Meir Hai Uziel (1880-1953), rabbino capo della Palestina mandataria, poi di Israele;
  • David Prato (1882-1951), rabbino;
  • Avraham Elmalih (1885-1967), giornalista, sionista, poi parlamentare israeliano;
  • Enzo Bonaventura (1891-1948), professore di psicologia alla Hebrew University.

Relazioni d'aiuto

  • Esther Berliner: gli fornì alloggio temporaneo a Tel Aviv (Rechov Yarkon, 52) dal 15 ottobre 1939.
  • Hiram Pflaum (1900-1962): docente di Lingue romanze alla Hebrew University, indirizzò Artom al rettore Abraham H. Fränkel per un posto di docente di italiano.
  • Harry Torczyner (1886-1973), poi Naftali Herz Tur-Sinai: docente di Bibbia presso la Hebrew University e futuro primo presidente dell’Academy of the Hebrew Language, lo mise in contatto con Eliezer Rigen, il quale lo presentò a Yaakov Sh. Engel, sovrintendente del “Mizrachi”,  per un posto da insegnante di scuola.
  • David Prato (1882-1951): rabbino, intercedette presso la direzione della scuola agricola Mikve Israel per far ridurre la retta di Meir Artom.
  • Moshe Auerbach (1881-1976): rabbino, preside di scuola di Petah Tikva, appoggiò la domanda di Artom per insegnare alla scuola superiore “Moria” di Tel Aviv.
  • Enzo Sereni (1905-1944): sionista, volontario nel reparto d’intelligence dell’esercito britannico durante il secondo conflitto mondiale, fece avere 5000 lire italiane a Meir Artom in Sicilia (maggio 1944). Cercò invano di procurargli il certificato d’immigrazione.

Mobilità

1887Torino

Nascita e formazione

  • Studente
1908Firenze

Studi rabbinici, poi insegnante

  • Collegio rabbinico italiano
  • Studente,Incarico a tempo determinato
  • Insegnante
1912Ferrara

Vice-rabbino e insegnante

  • Incarico a tempo determinato
  • Insegnante
1913Torino

Vice-rabbino e insegnante

  • Incarico a tempo determinato
  • Insegnante
1915Belluno

Rabbino militare durante la prima guerra mondiale

1915Torino

Vice-rabbino e insegnante

  • Incarico a tempo determinato
  • Insegnante
1920Tripoli

Rabbino capo

  • Incarico a tempo determinato
  • Altro
1924Alessandria

Rabbino capo

  • Incarico a tempo determinato
  • Altro
1926Firenze

Rabbino capo e libero docente

  • Università di Firenze
  • Incarico a tempo determinato
  • Libero docente,Altro
1933Tel Aviv

Docente di italiano su incarico del ministero degli Esteri

  • Incarico a tempo determinato
  • Insegnante
1934Firenze

Rabbino capo e libero docente

  • Università di Firenze
  • Incarico a tempo determinato
  • Libero docente,Altro
1935Roma

Direttore del Collegio rabbinico italiano

  • Collegio rabbinico italiano
  • Incarico a tempo determinato
  • Libero docente,Altro
1937Firenze

Libero docente

  • Università di Firenze
  • Incarico a tempo determinato
  • Libero docente
1938Roma

Direttore del Collegio rabbinico italiano

  • Collegio rabbinico italiano; Università di Firenze
  • Incarico a tempo determinato
  • Libero docente,Altro
1939Tel Aviv

  • Disoccupato
1939Gerusalemme

Insegnante

  • Dal 1942 rabbino della sinagoga di rito italiano; dopo la guerra tornò frequentemente in Italia per incarichi d’insegnamento presso la scuola rabbinica “S. H. Margulies” di Torino (aa. 1953/54, 1955/56-1957/58), il Collegio rabbinico italiano a Roma (aa. 1959/60-1964/65), e per numerose conferenze.
  • Incarico a tempo determinato,nessuna informazione
  • Insegnante,Altro
1965Roma