Patrizia Guarnieri

Intellettuali in fuga dall'Italia fascista.

Migranti, esuli e rifugiati per motivi politici e razziali

©2019 Author(s) Published by Firenze University Press
e-ISBN: 978-88-6453-872-3 | DOI: 10.36253/978-88-6453-872-3

Intellettuali in fuga dall'Italia fascista

Licia Barocas (1916-1962)

Alessandria d’Egitto 8 marzo 1916 - Firenze 1962?

Vite in movimento

Familiari emigrati

  • Vinicio Barocas (Alessandria d’Egitto 2 agosto 1914 - Preston, Lancashire, GB, 16 novembre 2016), fratello: venne in Italia poco prima di lei per frequentare l’università, nel ’39 emigrò in Inghilterra e non rientrò.
  • Ida Orvieto Barocas (1882-1949?), madre: vedova, venne con i due figli minori a Firenze nel 1934 e ripartì per l’Egitto dopo la promulgazione delle leggi razziali.
  • Valerio Barocas (Alessandria d’Egitto 26 ottobre 1904 - Roma aprile 1965), fratello: espulso dall’ospedale italiano in Egitto dov’era medico, perseguitato come italiano. Si trasferì in Italia nel 1952 con la moglie Cesira Casini, insegnante, e i figli Alberto (1938), che sarebbe diventato un chimico nucleare, e Claudio (1940-1989), futuro egittologo. Si trasferirono a Roma nel 1958.

Mobilità

1916Alessandria d'Egitto

Nascita e formazione

  • Liceo italiano
  • Studente
1934Firenze

Studi universitari

  • Università di Firenze
  • Studente
1939Alessandria d'Egitto

Ritorno in Egitto in seguito alle leggi razziali

  • Insegnante privata
  • Lavoro saltuario
  • Insegnante
1952Firenze

Di nuovo a Firenze

  • Traduttrice dall’inglese, esperta di didattica della lingua inglese per stranieri, insegnante privata.
  • Libera professione
  • Insegnante,Altro
1962Firenze