Patrizia Guarnieri

Intellettuali in fuga dall'Italia fascista.

Migranti, esuli e rifugiati per motivi politici e razziali

©2019-Author(s) Published by Firenze University Press
e-ISBN: 978-88-6453-872-3 | DOI: 10.36253/978-88-6453-872-3

Intellettuali in fuga dall'Italia fascista

    Il gruppo di ricerca

    Patrizia Guarnieri, responsabile scientifica della ricerca, è professoressa ordinaria di Storia culturale dell'età contemporanea all’Università di Firenze. E’ stata Fulbright Visiting Scholar ad Harvard, docente di storia sociale della scienza all’Overseas Program di Stanford University, CNR-NATO Fellow presso The Wellcome Trust Centre for the History of Medicine in London; Jean Monnet Fellow e Visiting Scholar all'European University Institute e, di recente, M. Di Palermo McCauley Visiting Scholar al John Calandra Italian American Institute, CUNY, New York. Tra i suoi libri, Italian Psychology and Jewish Emigration under Fascism. From Florence to Jerusalem and New York (New York, Palgrave - MacMillan, 2016),  premiato all'Edinburgh Gadda Prize 2019 (Cultural Studies).



    Nicola Cacciatore ha conseguito il PhD in Storia presso la University of Strathclyde (Glasgow). Attualmente è assegnista all’Università di Firenze e collabora con l’Istituto nazionale Ferruccio Parri. Nel Regno Unito, è Communication Officer dell'Association for the Study of Modern Italy (ASMI). I suoi interessi si concentrano sulle relazioni italo-britanniche nel periodo della Seconda guerra mondiale, in particolare per quanto riguarda i rapporti tra l’antifascismo italiano e il personale britannico impegnato nella campagna d’Italia. Ha pubblicato in «Modern Italy» e «Occupied Italy. Rivista Storica dell’Italia occupata».



    Francesca Cavarocchi ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia d'Europa all’Università di Bologna ed è stata borsista/assegnista di ricerca presso le Università di Bologna, Teramo e Udine; attualmente è assegnista di ricerca presso l'Università di Firenze. Fra i suoi interessi di ricerca l’antisemitismo in Italia da un punto di vista storico e sociologico, la politica estera fascista, la memoria dei fascismi in Europa, la tutela del patrimonio culturale nell’Italia del ‘900. Fra le sue pubblicazioni Avanguardie dello spirito. Il fascismo e la propaganda culturale all’estero (Roma, Carocci, 2010) e, con Elena Mazzini, La Chiesa fiorentina e il soccorso agli ebrei. Luoghi, istituzioni, percorsi (1943-1944) (Roma, Viella, 2018).



    Anna Teicher si è formata nella Facoltà di Storia dell’University of Cambridge (GB), ed e’ stata Junior Research Fellow presso il Newnham College della stessa università. Specializzata nella storia del ‘500, e in particolare del granducato di Toscana, attualmente i suoi interessi di ricerca riguardano l’esperienza collettiva degli studiosi ebrei stranieri allontanati dall’Italia in seguito alle leggi razziali. Si e’ dedicata ad uno studio biografico di suo padre Jacob Teicher, studioso ebreo di origine polacca laureatosi a Firenze e trasferitosi in Gran Bretagna nel 1938, ed ha contributo al volume Ark of Civilization. Refugee Scholars and Oxford University, 1930-1945 (Oxford, OUP, 2017).